Altro
l'operazione dei carabinieri

A 32 anni dal furto i Carabinieri per la Tutela del Patrimonio Culturale restituiscono il reliquiario di San Galgano

Sono state portate al loro posto anche preziosissime oreficerie.

Altro 27 Aprile 2021 ore 11:30

Al termine di un’indagine diretta dalla Procura della Repubblica di Catania, i Carabinieri del Nucleo per la Tutela del Patrimonio Culturale (TPC) di Palermo e della Sezione di Siracusa hanno restituito alla comunità di Siena le preziosissime oreficerie trafugate nella notte tra il 10 e l’11 luglio 1989 dal Museo del Seminario di Monteriggioni (SI).
I manufatti sono di eccezionale valore storico-artistico, realizzati da orafi senesi o romani tra il XII e il XVIII secolo.

Nel dettaglio:
• reliquiario a tabella di San Galgano, in rame dorato, con smalti traslucidi, XIV secolo. Pubblicato sul Bollettino delle opere d’arte trafugate del Comando Carabinieri TPC e sulla pubblicazione ICOM Cento oggetti scomparsi – saccheggio in Europa (Parigi 2000);

• croce processionale astile, in rame e bronzo dorato, XII secolo;
• reliquiario a tempietto, in rame dorato, XIV secolo;
• calice – pisside, in rame dorato con smalti, XIV – XVII secolo;
• pisside in argento, con smalti, XVII secolo;
• calice in argento, sbalzato e cesellato, XVII secolo;
• calice in argento, sbalzato e cesellato, con scolpite teste di angeli, XVIII secolo;
• calice in argento, sbalzato e cesellato, con scolpite teste di angeli, XVIII secolo;
• calice in argento, sbalzato e cesellato, con scolpite teste di angeli, XVIII secolo;
• calice in argento, sbalzato e cesellato, con scolpite teste di angeli, XVIII secolo.
L’attività di recupero è scaturita nel corso di indagini coordinate da questa Procura della Repubblica volte all’individuazione di beni d’arte illecitamente posseduti. In particolare, i preziosi manufatti sono stati individuati dai Carabinieri TPC durante una perquisizione presso l'abitazione di un privato cittadino a Giarre (CT), che nell’immediatezza non è stato in grado di fornire valide spiegazioni in merito al loro possesso. Gli immediati approfondimenti investigativi, eseguiti attraverso la “Banca dati dei beni culturali illecitamente sottratti”, database gestito dal Comando TPC, hanno permesso di individuare la provenienza dei manufatti e la loro corrispondenza con quelli rubati 31 anni fa nell’antico borgo di Monteriggioni (SI). In considerazione delle risultanze investigative il detentore è stato denunciato per ricettazione a questa Procura della Repubblica.

Tutti i preziosi reliquiari, le pissidi e i calici asportati nel corso del furto consumato nella notte tra il 10 e l’11 luglio 1989 ai danni del Museo del Seminario di Monteriggioni (SI), a eccezione di un calice tutt’ora da ricercare, sono stati recuperati dai Carabinieri del Nucleo per la Tutela del Patrimonio Culturale e ritornano oggi al proprio posto restituendo così alla collettività senese un significativo tassello della propria identità culturale e artistica.
I preziosissimi reliquiari costituiscono un’eccezionale testimonianza della devozione a San Galgano: infatti, la confraternita di San Galgano, una delle più antiche confraternite della Chiesa cattolica fra quelle attualmente esistenti, è stata fondata a Chiusdino (Siena) nel 1185. La denominazione canonica ufficiale di questo sodalizio è: Inclito ed Insigne Collegio o Compagnia di Gesù Cristo, Maria Santissima e San Galgano.

Galgano Guidotti nasce nel 1148. Nel 1180, in seguito alla visione di San Michele, mette in discussione la sua esistenza e decide di dedicarsi interamente a Dio, vivendo da eremita. Per simboleggiare l’inizio della sua nuova vita, impugna la spada da cavaliere e la conficca in una roccia, pregando poi davanti all’elsa che si erge come una croce. Nel 1181 Galgano viene conosciuto per i suoi miracoli e muore di stenti nello stesso anno. Immediatamente beatificato, nel 1185 è proclamato santo da papa Urbano III.